/page/2

Il virtuale si sfonda con la morbidezza

Il virtuale si sfonda con la morbidezza

nido

(la donna di oggi è Noemi)

Ho imparato da lei, credo, ad avere fiducia nelle parole, a cercarle nella convinzione che quelle giuste ci sono, a scegliere quali dire e quali tacere, di volta in volta; a non rinunciare a dire, a insistere a dire, a dire fino alla fine e ancora un po’, anche se può far male; ad ascoltarle tutte, le parole, anche quelle non dette, a partire da quelle dette. Le…

View On WordPress

Norbert Schwontkowski “Pause”

Norbert Schwontkowski “Pause”

Le bambine rimaste molto da sole
da grandi sono donne irresistibili.
Così sono le sirene.
Si vedono la sera a certe latitudini
nuotare nell’acqua fluorescente
la pelle dolce, d’incanto e sotto di rame.
A volte, di giorno escono dall’acqua,
restano ferme all’ombra sotto i portici
e sentono rifiorire il rimpianto.

(Antonio Riccardi)

B. Zoccatelli, C. Tamanini, C. Dallabona. Avventure urbane. Perlustrazioni nello spazio abitato

B. Zoccatelli, C. Tamanini, C. Dallabona. Avventure urbane. Perlustrazioni nello spazio abitato

1

Penso al fine settimana avventuroso che ci aspetta (qui i momenti in cui noi di Measachair saremo sedute, se ve li siete persi) e all’organizzazione di un possibile itinerario milanese in questi giorni di smania FuoriSalone. Noto che tutti hanno l’ansia di “coprire l’Evento”, o gli Eventi, e non c’è cosa che non venga guardata attraverso un filtro.
Noi saremo libere, liberissime come sempre.…

View On WordPress

#Tuttifotografi

Il tizio ordinario sta passando oltre, alla ricerca di qualcosa di sensazionale. Po i si ferma e imita.

#Tuttifotografi

Il tizio ordinario sta passando oltre, alla ricerca di qualcosa di sensazionale. Po i si ferma e imita.

Una finestra aperta #open4bloggers

Una finestra aperta #open4bloggers

1

L’ufficio dove lavoro è in un condominio. Questo comporta odori di cucina che entrano e non se ne vanno. Un po’ come i vicini che suonano e chiedono di poter inviare un fax e nel frattempo enumerano le malattie e cercano lavoro per i figli. Stanno ristrutturando la facciata del palazzo da mesi, ho imparato a distinguere gli accenti degli operai e a cogliere l’orgoglio per un lavoro faticoso e…

View On WordPress

Measachair al Fuori Salone #open4bloggers

Measachair al Fuori Salone #open4bloggers

1

E niente, come dice il mio amico Adriano quando introduce notizie di un certo rilievo.
Con il cappello da giullare di Measachair mi trovate sabato 12 e domenica 13 in zona Porta Romana, per l’esattezza qui

www.openmilano.com Prometto di non scrivere le parole EVENTO e LOCATION. Info: > la pagina fb di Open ( su twitter: @openmilano ) > la pagina fb di Measachair dove cercheremo di segnalare…

View On WordPress

Il virtuale si sfonda con la morbidezza

Il virtuale si sfonda con la morbidezza

nido

(la donna di oggi è Noemi)

Ho imparato da lei, credo, ad avere fiducia nelle parole, a cercarle nella convinzione che quelle giuste ci sono, a scegliere quali dire e quali tacere, di volta in volta; a non rinunciare a dire, a insistere a dire, a dire fino alla fine e ancora un po’, anche se può far male; ad ascoltarle tutte, le parole, anche quelle non dette, a partire da quelle dette. Le…

View On WordPress

Norbert Schwontkowski “Pause”

Norbert Schwontkowski “Pause”

Le bambine rimaste molto da sole
da grandi sono donne irresistibili.
Così sono le sirene.
Si vedono la sera a certe latitudini
nuotare nell’acqua fluorescente
la pelle dolce, d’incanto e sotto di rame.
A volte, di giorno escono dall’acqua,
restano ferme all’ombra sotto i portici
e sentono rifiorire il rimpianto.

(Antonio Riccardi)

B. Zoccatelli, C. Tamanini, C. Dallabona. Avventure urbane. Perlustrazioni nello spazio abitato

B. Zoccatelli, C. Tamanini, C. Dallabona. Avventure urbane. Perlustrazioni nello spazio abitato

1

Penso al fine settimana avventuroso che ci aspetta (qui i momenti in cui noi di Measachair saremo sedute, se ve li siete persi) e all’organizzazione di un possibile itinerario milanese in questi giorni di smania FuoriSalone. Noto che tutti hanno l’ansia di “coprire l’Evento”, o gli Eventi, e non c’è cosa che non venga guardata attraverso un filtro.
Noi saremo libere, liberissime come sempre.…

View On WordPress

#Tuttifotografi

Il tizio ordinario sta passando oltre, alla ricerca di qualcosa di sensazionale. Po i si ferma e imita.

#Tuttifotografi

Il tizio ordinario sta passando oltre, alla ricerca di qualcosa di sensazionale. Po i si ferma e imita.

Una finestra aperta #open4bloggers

Una finestra aperta #open4bloggers

1

L’ufficio dove lavoro è in un condominio. Questo comporta odori di cucina che entrano e non se ne vanno. Un po’ come i vicini che suonano e chiedono di poter inviare un fax e nel frattempo enumerano le malattie e cercano lavoro per i figli. Stanno ristrutturando la facciata del palazzo da mesi, ho imparato a distinguere gli accenti degli operai e a cogliere l’orgoglio per un lavoro faticoso e…

View On WordPress

Measachair al Fuori Salone #open4bloggers

Measachair al Fuori Salone #open4bloggers

1

E niente, come dice il mio amico Adriano quando introduce notizie di un certo rilievo.
Con il cappello da giullare di Measachair mi trovate sabato 12 e domenica 13 in zona Porta Romana, per l’esattezza qui

www.openmilano.com Prometto di non scrivere le parole EVENTO e LOCATION. Info: > la pagina fb di Open ( su twitter: @openmilano ) > la pagina fb di Measachair dove cercheremo di segnalare…

View On WordPress

Il virtuale si sfonda con la morbidezza
"

Le bambine rimaste molto da sole
da grandi sono donne irresistibili.
Così sono le sirene.
Si vedono la sera a certe latitudini
nuotare nell’acqua fluorescente
la pelle dolce, d’incanto e sotto di rame.
A volte, di giorno escono dall’acqua,
restano ferme all’ombra sotto i portici
e sentono rifiorire il rimpianto.

(Antonio Riccardi)

"
B. Zoccatelli, C. Tamanini, C. Dallabona. Avventure urbane. Perlustrazioni nello spazio abitato
Una finestra aperta #open4bloggers
Measachair al Fuori Salone #open4bloggers

Su di me:

appunti visivi di Stima di Danno

"I am learning to see."
— Rainer Maria Rilke

“La prima parola che si impara,
la più importante di tutte: GUARDA.
Tutto quello che serve sapere è lì
da qualche parte”
(Robert Fulghum )

Sto seguendo:

...
PL+
HC